Vedere l'articolo

Un altro successo: (parte 1)

Inserito da:nicholas | Data: 13 novembre 2012

Un altro successo: (parte 1)

Dopo l’applicazione nel complesso residenziale di Reggio Emilia in cui si sono ottenuti ottimi risultati di risparmio energetico e anche economico, questa volta ci spostiamo a Parma e in una delle più grandi industrie del settore alimentare della zona, dove sono state montate le nostre barre a LED in alcuni nuovi uffici e nel piazzale esterno i nostri performanti lampioni a LED da 60W con lenti (di cui parleremo nella seconda parte).


Barre a LED negli uffici:

Una più che valida alternativa ai classici neon, sia in termini di risparmio energetico, che in termini di abbassamento drastico della manutenzione, sono da ormai diversi anni le nostre barre a LED. In questo particolare contesto si sono rivelate una soluzione ottimale e fin troppo luminosa visto che in ampie zone bastano poche barre per illuminare a giorno la scrivania e le zone circostanti. Come si noterà dalle foto e ancora meglio dal vivo l’illuminazione risulta omogenea e piacevole sotto ogni punto di vista, non è fastidiosa per chi lavora al PC e parlando con chi lavora tutti i giorni in quei locali sono emersi solo commenti positivi. Questo ci fa molto piacere visto i nostri numerosi sforzi per sviluppare questa tecnologia ma veniamo al dunque, facciamo un po’ di semplici calcoli per verificare quanto si è risparmiato in termini di energia, manutenzione e in danni per l’ambiente.

Illuminazione degli uffici con tubi a Neon:

Illuminando gli stessi uffici con i classici tubi al neon sarebbero occorse plafoniere da almeno 2x35W, facendo un rapido conteggio almeno 24, il che porta ad un consumo totale di energia paria a: 70x24=1680W solo per illuminare qualche ufficio e una piccola sala riunioni. Se poi a tutto questo aggiungiamo la sostituzione di tutti i neon almeno una volta ogni due anni (dato fin troppo ottimistico), otteniamo che per montare le 24 plafoniere si sarebbero spesi: 130€ x 24= 3120€ più i costi dell’energia 1680x3000=5040 kWh/anno che corrispondono a 5040*0,18=907,2€/anno e infine i costi di manutenzione 5 x 48= 240€ ogni due anni manodopera esclusa, il totale è di 1027,2€/anno solo per energia e manutenzione, che si aggiungono al costo iniziale di 3120€.

Illuminazione degli uffici con barre a LED:

Illuminando con le nostre barre a LED invece il consumo per ogni barra si riduce a 24W e considerando il costo di 150€/a barra si ottiene che la spesa iniziale è di 170x24= 4080€, che è sicuramente sensibilmente maggiore rispetto all’analoga spesa iniziale per plafoniere a neon, ma calcolando anche i costi di energia e manutenzione che negli anni si andranno ad affrontare otteniamo che, di energia consumeremo solo 24x24=576W che corrispondo a 576x3000=1728kWh di energia e un costo di 1728x0,18=311€/anno, e in più se consideriamo che la manutenzione è pari a zero e che quindi una volta montate le nostre barre per almeno 10 anni non si ha più bisogno di sostituirle o metterci mano si ottengono i seguenti risultati:

Tabella di confronto spese per illuminazione:

 

Barra a LED

Plafo a Neon

Costo iniziale

170 €

130 €

Costo kWh

0,18

0,18

Potenza W

24

70

Costo energia annua consumata €/anno

12,96

37,80

Manutenzione €/anno

0

5

Anno 1

183,0 €

172,8 €

Anno 2

195,9 €

215,6 €

Anno 3

208,9 €

258,4 €

Anno 4

221,8 €

301,2 €

Anno 5

234,8 €

344,0 €

Anno 6

247,8 €

386,8 €

Anno 7

260,7 €

429,6 €

Anno 8

273,7 €

472,4 €

Anno 9

286,6 €

515,2 €

Anno 10

299,6 €

558,0 €

 

Grafico rientro costo investimento per una sola barra a LED:

 Conclusione:
Seppur considerando una spesa iniziale superiore montando le nostre barre a LED al posto dei classici tubi al Neon si riesce a risparmiare moltissimo su energia elettrica e manutenzione, questo porta ad un progressivo rientro dall’investimento iniziale, il quale sarà completamente ripagato in meno di 2 anni.
Dal punto di vista ambientale poi con il montaggio dei LED si evita in 10 anni la sostituzione di almeno 240 Neon da 35W che contengono al loro interno una seppur piccola quantità di mercurio, il quale se non smaltito correttamente può andare a inquinare pesantemente terreni e falde acquifere con importanti conseguenze per l’ambiente.

[...]